Stefano Mirti (Id-Lab)

apriapri

Stefano Mirti (1968). Di formazione è architetto (tra i fondatori di Cliostraat), di opportunità è insegnante (dal gennaio 2007 è coordinatore della scuola di design di NABA Milano), di gusto è progettista (tra i partner di Id-Lab). Tra le varie vanno menzionati i tre anni a Tokyo e i cinque a Interaction Design Institute Ivrea.

http://www.interactiondesign-lab.com/

http://www.naba-design.net/

Il multiverso (o meta-universo) è l'ipotesi dell'esistenza di niversi multipli (incluso il nostro) che insieme formano la realtà. I diversi universi all'interno del multiverso sono a volte chiamati universi paralleli. La strutture del multiverso, la natura di ogni universo al suo interno e la relazione tra  dversi universi dipendono dalla specifica ipotesi di multiverso presa in considerazione. Multiversi sono stati iptizzati in cosmologia, fisica, astronomia, filosofia, teologia, psicologia transpersonale e nella letterature, in particolare fantascienza e fantasy.
(da Wikipedia, "Multiverse", agosto 2008)

Ora sappiamo che il
multiverso è stato affrontato in tutte le suddette discipline. Una domanda ipotetica ci viene in mente: come si declina il multiverso nel campo del design? È possibile progettare, prototipare e costuire un universo parallelo con gli strumenti del designer? Che aspetto potrebbe avere?

(immagini da sinistra verso destra):
Dumia, (con Brigata Tognazzi), Torino, 2002.
Grace under Pressure (con IDII / Interaction Design Institute Ivrea), Biennale di Venezia, 2002.
Cloud, (con e1 / IDII), Pitti, Firenze 2005.

28 mar 2008


apri



Aiap
via Ponchielli, 3
20129 Milano

22 novembre 2014

Cerca:


AIAP facebook page AIAP youtube channel